Oggi è il 2 Ottobre, giorno dedicato agli Angeli Custodi o, se preferite, agli Spiriti Guida, perciò vi regalo un metodo divinatorio per comunicare con il proprio Spirito Guida. In questo giorno, infatti, è molto facile prendere contatto con la propria Guida e, attraverso questo metodo, potete sia comprendere meglio voi stessi sia iniziare un dialogo con il vostro Angelo da portare avanti nel corso dell’anno sia usando questo gioco, sia attraverso la meditazione.

4a5c618af96a2509a4dcc1c6189aa900-1Il metodo è molto semplice, impiega sette arcani estratti dall’intero mazzo. Non spaventatevi per la presenza degli Arcani Minori, come dico sempre a lezione, intersecare i significati degli Arcani Maggiori tra loro non è assolutamente diverso dall’intersecarli con quelli dei Minori. Inoltre, non mi stancherò mai di dire che non vi è nulla di male nel leggere i significati dal libro, solo chi non ha mai letto le carte o un libro di cartomanzia pensa che in tal caso la veggenza non entri in gioco. Infatti, i manuali elencano una serie di significati, spesso discordanti tra loro, sarà il vostro “dono” a fare la differenza. Perciò armatevi di manuale e passiamo a leggere le carte.

La Lettura

Prima di tutto accertatevi che il mazzo sia in ordine, fatto ciò mettetelo da parte e calcolate il vostro Numero del Destino (troverete i dettagli in fondo all’articolo) e tenete a portata di mano il foglietto sul quale avrete riportato il numero.

Chiudete gli occhi tenendo il mazzo in mano e visualizzate il vostro Angelo Custode (o il vostro nume tutelare) davanti a voi, quindi, mentre mescolate il mazzo nel modo che usate di solito chiedeteGli di parlarvi attraverso le carte.

Estraete la prima carta e mettetela in alto davanti a voi, come nella figura. Questa prima carta indica il percorso generale della vostra vita;

Togliete dal mazzo un numero pari di carte al risultato che avete ottenuto e ponete l’ultima sul tappeto al posto della carta numero 2 (vedi figura). Ad esempio, se avete ottenuto 9 estraete nove carte e ponete la nona sul tappeto. Questa carta indicherà la somma del vostro Kharma e del nostro Dharma, cioè le nostre caratteristiche, le sfide che affronteremo e il nocciolo della nostra realizzazione.

Mettete via le carte scartate e disponete le restanti seguendo l’ordine in figura e leggendo il significato di ciascuna carta.

La terza lama indicherà cosa dovete fare per essere in armonia con il percorso di vita tracciato per voi.

La quarta indicherà dove troverete sostegno per affrontare al meglio il vostro percorso e per ricongiungervi con la vostra Vera Natura

La quinta indica quello che viene chiamato Dharma, l’essenza della vostra missione sulla Terra.

La sesta, vi mostrerà quei talenti che dovete coltivare in voi e, infine,

la settima vi indicherà cosa dovete evitare per giungere alla piena realizzazione.

2ott2016

Il Numero del Destino

Il Numero del Destino è un elemento della numerologia ed è un numero compreso tra 1 e 9 ai quali si aggiungono i numeri maestri 11, 22, e 33 e i numeri karmici 13, 14, 16, 19. Questo numero si ottiene con la riduzione teosofica della nostra data di nascita. Come dice la stessa parola esso rappresenta il nostro destino, la somma del nostro Kharma e del nostro Dharma, cioé le nostre caratteristiche, le sfide che affronteremo e il nocciolo della nostra realizzazione.

Calcolare il Numero del Destino
Calcolare il numero del destino è molto facile, per fare un esempio userò ladata di oggi:

Il 2 Ottobre 2016

quindi 2-10-2016 procederemo con la somma 2+10+16=28=2+8=10=1. Nel calcolo del numero non si usa mettere anche il numero del secolo per ottenere il dato quindi si eliminerà, in questo caso, il 2000 dai dati).

Buona lettura e ricordate

nec spe, nec metu
Bimbasperduta