Tag

, , , ,

Elogio della Follia, di Erasmo da Rotterdam è un testo fondamentale per comprendere l’idea di follia diffusa durante il Rinascimento periodo di nascita e diffusione dei Tarocchi.

Il Testo è molto diverso da quel che la pubblicità di un’auto di lusso ci fece credere molti anni fa (abbiate pazienza, per me è difficile distinguere le auto e non ricordo proprio quale fosse). Tanto per cominciare il testo aveva scopi satirici ed Erasmo lo compose in pochi giorni, durante una malattia, al semplice scopo di far ridere se stesso e gli amici. Questi ultimi, però, furono così colpiti dal componimento che indussero Erasmo a finirlo e, quasi a sua insaputa lo pubblicarono.

Un testo sulla follia, composto in un attimo di follia, dunque. 

Riporto, di seguito, uno dei brani che mi è sembrato più grazioso:

disegno di Hans Holbein il Giovane della Follia (1515), nella prima edizione, una copia posseduta da Erasmo stesso. Immagine di Wikipedia

disegno di Hans Holbein il Giovane della Follia (1515), nella prima edizione, una copia posseduta da Erasmo stesso. Immagine di Wikipedia

Forse taluni trascureranno anche questo genere di piacere e saranno paghi dell’amore e della familiarità degli amici, affermando che l’amicizia vale più di tutto: l’amicizia, un bene non meno necessario dell’aria, del fuoco, dell’acqua; tanto soave che se togli l’amicizia togli il sole; infine tanto nobile – ammesso che la cosa ci riguardi – che gli stessi filosofi non esitano a ricordarla fra i beni fondamentali. Ma che succede se dimostro che anche di questo bene così grande sono io la poppa e la prora? Io lo dimostrerò non col sofisma del coccodrillo, non coi soliti cornuti o con altre simili dialettiche sottigliezze, ma alla buona, facendovi toccare la cosa con mano.
Orbene, chiudere gli occhi, ingannarsi, essere ciechi, illudersi a proposito dei difetti degli amici, amarne e apprezzarne come qualità alcuni dei vizi più evidenti, non è forse qualcosa di molto vicino alla follia? C’è chi bacia il neo dell’amica, chi trova incantevole il polipo di Agna; il padre dice del figlio strabico che ha il vezzo di ammiccare. Tutto questo, io domando, che è, se non pura follia? Ripetano a gran voce che è follia: eppure essa sola è capace di promuovere e cementare le amicizie. Parlo dei comuni mortali, nessuno dei quali nasce senza difetti: il migliore è chi ne ha meno; quanto poi a quei famosi saggi che hanno il piglio di Dèi, tra loro l’amicizia, o non nasce affatto, o è qualcosa di cupo e scostante, limitata poi a pochissimi (non oso dire che non include proprio nessuno), perché la maggior parte degli uomini ha un pizzico di follia, anzi non c’è nessuno che, in un modo o in un altro, non abbia le sue stranezze, e non c’è amicizia se non tra persone simili. Se, infatti, tra questi uomini austeri si desse una volta uno scambievole affetto, non sarebbe per nulla stabile e durerebbe ben poco, nascendo tra uomini difficili e più oculati del necessario, capaci di cogliere i difetti degli amici con l’occhio acuto dell’aquila e del serpente di Epidauro. Quando però si tratta dei loro difetti, come ci vedono poco! e come ignorano la parte della bisaccia che portano dietro le spalle! Perciò, dato che la natura dell’uomo è tale che nessuno è immune da gravi difetti (aggiungi la grande varietà di caratteri e di studi, le tante cadute, i tanti errori, i tanti casi della vita mortale), come potranno questi Arghi gustare anche solo per un’ora le gioie dell’amicizia se non interverrà quella che i Greci chiamano EUETHEIA, termine felice da tradursi con follia, o con indulgente semplicità? Del resto, non è forse del tutto cieco quel Cupido, che è artefice e padre di ogni legame? E come il brutto gli appare bello, così fa in modo che anche a ciascuno di voi sembri bello ciò che gli è toccato in sorte, che il vecchio ami la sua vecchia, e il ragazzo la sua ragazza. Sono cose che accadono a ogni piè sospinto e che muovono il riso; eppure sono proprio queste cose ridicole il fondamento di una società che vive con gioia.

E voi, quale libro o poesia associereste alla carta del Matto?
Per chi volesse approfondire la conoscenza di questo immortale testo, lascio il link al pdf scaricaricabile: Elogio della Follia pdf

Nec spe nec metu
Bimbasperduta