Tag

, , , , ,

ForzaXINonostante le feste natalizie, i funerali e l’influenza il percorso della scuola di Cartomanzia continua e questo mese il Destino ci introduce nelle stanze della stanze della Forza, l’undicesimo Arcano.

Le cose da dire su questa lama così poco considerata e conosciuta sarebbero moltissime ma oggi mi soffermerò su un suo aspetto emerso ieri. Come si sa, insegnando s’impara e questo accade, ovviamente, anche a me. Così quando dal mazzo cade un arcano sul tavolo perchè lo studiamo anche io inizio un viaggio straordinario nel mondo di quell’Arcano.

Giovedì pomeriggio abbiamo varcato la soglia della Forza e ieri il leone ha ruggito.
La mattina sono stata impegnata con il corso del venerdì e, dopo pranzo sono andata su facebook per pubblicare del materiale nel gruppo di studio ma facebook mi aveva preparato una sorpresa. Secondo il social network il mio profilo non è sufficentemente personale e così ha deciso che andava trasformato in una pagina.

Ho tentato di accedere al mio profilo ma nulla, a meno che non avessi inviato un mio documento! Ed ecco mi è mancata la forza. Ciascuno di noi ha i suoi bottoni, il mio è si chiama obbligo e controllo e così ho perso la padronanza di me stessa e il leone si è sfogato con tutta la sua rabbia, la sua paura, il suo istinto. La forza della quale parlano i Tarocchi non è certo la forza bruta, di quella chiunque è capace, si tratta, invece, della forza d’animo. Della padronanza di se, dell’equilibrio interiore e dell’autodisciplina che non è repressione e rigidità ma al contrario è assenza di tensioni esterne e interne, è piena e totale chiarezza, calma, determinazione.
Passate le prime ore di ira mi sono resa conto che
a) ero adirata più del dovuto, in fondo è solo un social network che ha agito secondo algoritmi non era certo diretto a me
b) ho agito in preda alle emozioni e non in base al raziocinio. Invece di scorrere come il ruscello e seguire la corrente adattandomi alla situazione ho opposto la forza alla forza del vento e questo è un atteggiamento debole.

Ma quindi, cosa farò adesso? Cercherò la Forza, ovvio. Il Tai-chi mi verrà in aiuto con la posizione dell’Albero, che andrò a fare tra qualche minuto,

grazie per aver letto e che la Forza sia con voi
Bimbasperduta.