Per l’8 Marzo: La mia Ofelia

StellaOfelia

L’8 marzo, ormai si sa, non ha nulla a che vedere con la festa della donna come la intendiamo noi. Non è una giornata commemorativa perché la ditta “Cotton” non è mai esistita e nessuna operaia è morta in questo giorno in una qualche fabbrica. Neppure è una festa puramente commerciale e l’unica giustificazione per il clima di grottesco carnevale femminino durante il quale orde di femmine vanno a caccia di spogliarelli e fingono emancipazione è, appunto, che siamo vicini a carnevale.
L’8 Marzo nasce come festa comunista e, a rigor di logica e di coerenza, avrebbe senso solo se celebrato da donne comuniste ma “vox populi, vox dei” e questa data si è trasformata in un giorno in cui, volenti o nolenti, il femminile si manifesta, esplode e si impone all’attenzione con tutte le sue sfaccettature dalle più grottesche alle più nobili, dalle più dolorose alle più luminose. Così, poiché ignorare questo giorno è inutile come pettinare n asino ho deciso di renderlo in qualche modo utile, almeno per me e, almeno spero, per chi mi legge.
Quest’anno i temi che l’8 marzo solleva nel mio cuore sono due, il primo lo affronto pubblicando questo articolo di “Letteralmente Felice“.
Come potete leggere si tratta di un bellissimo e struggente monologo di Ofelia tratto da Hamlet Machine. Ho scelto questo monologo perché, a mio parere, ben rappresenta una grossa fetta del mondo femminile di oggi. Il dolore, l’alienazione di molte donne uccise da modelli femminili stritolanti, vittime di modelli maschili misogini, anaffettivi o narcisisti. Donne e uomini schiacciati da ingranaggi impersonali, invisibili e inesorabili.
Ho scelto la carta della Stella per rappresenta il monologo perché è dall’attraversamento di questo dolore che può nascere speranza e rinascita.
In ciascuna di noi c’è un’Ofelia con la corda al collo o la testa nel forno al gas, un Ofelia che il fiume non può trattenere. Solo seguendo il destino di Ofelia fino in fondo, inabissandoci nelle acque e uscendo vestite solo del nostro sangue potremo strapparci l’orologio dal petto e guadagnare un cuore, liberarci della sedia e vivere come donne e uomini liberi.

Letteralmente Felice!

-“Silvia, questo pezzo che stai per copiare dovrebbe essere spiegato, dovresti dare un contesto”.

– “No”.

– “Nessuno capirà niente”.

– “Sottovaluti. Sempre questa smania di spiegare prima di leggere, chi non capisce non capirà né prima né dopo. A teatro, quando va in scena Hamletmaschine e entra Ofelia, mica qualcuno lo spiega.”

– “Esageri e manipoli, Silvia, e lo sai”.

– “Sottovaluti, sottovaluti il testo e lo spazio del lettore/spettatore“.

– “Almeno spiegare perché Maschine, perchè La macchina Amleto e non il semplice Umano Amleto!”

– “Non voglio pre-digerire il pasto a nessuno. Heiner Müller mi capirebbe”.

– “Seee, Silvia, in ogni caso non stai parlando a chi va a teatro a vedere Müller”.

– “Meglio, mi piace non essere capita, penso che i testi vadano letti prima di tutto, mica stiamo a scuola”.

– “Sei intransigente”.

– “Mi piace anche quello. E mi piacciono le…

View original post 490 altre parole

La Luna di Marzo: le porte del Mondo Spirtuale

celbrazioneluna

Domenica 12 marzo 2017 ore 22:00 – ognuno a casa sua

La Luna piena di Marzo è dominata da Giove, Pianeta della fortuna, la prosperità e le giustizia. Poiché nel momento esatto del plenilunio il Pianeta si troverà in Terza Casa esso influenzerà molto positivamente la spiritualità e sarà proprio a ciò che sarà rivolta la nostra celebrazione.

Giove spalancherà le porte verso la spiritualità perciò consiglio, durante questa celebrazione, di ringraziare i propri antenati e spriti guida per il proprio percorso spirituale e di chiedere al proprio Spirito guida forza e nutrimento spirituale.

Come sempre, per ricevere un piccolo rito per questa Luna Piena scrivete a:

fenice_52@libero.it
I Tarocchi di Bimbasperduta
Cronache Esoteriche

 

Ostara, celebrazione della Rinascita

LocandinaOstara

Domenica 26 marzo 2017 dalle ore 10:30 – 13:30 presso il Tempio di Cronache Esoteriche Via G. Carducci, 42/A Briosco (MB)

Poiché ad Ostara il sole ha ormai raggiunto forza e vigore questa sarà la prima celebrazione dell’anno condotta di giorno, alla luce del sole, come sempre nel bosco, nei pressi del fiume.

Simbolo universale delle Feste di Primavera sono le uova, saranno perciò queste l’offera richiesta dagli Spiriti.
Come sempre la celebrazione sarà seguita da un breve brunch, simbolo dell’abbondanza e della rinascita.

Info & prenotazioni
e-mail: cronacheesoteriche@libero.it
tel.: 0362/1730408

Incontra il tuo Spirito Guida

conferenzaSpiritoGuida

Sabato 6 Maggio 2017 ore 11:00 – Strigarium, loc. Bersaglio Via Nazionale – Costa Volpino (BG)

Tutte le vie spirituali, in tutte le epoche, prevedono l’esistenza di uno Spirito Guida che ci accompagna fin dalla nascita e che ha il compito di proteggerci e guidarci durante la nostra vita. Affascinata fin da bambina da questa figura ho sviluppato con essa un rapporto che oggi voglio condividere con quante più persone possibili dando a tutti l’opportunità di entrare in contatto con ciò che comunemente è chiamato “Angelo Custode” ma che io preferisco chiamare, appunto, Guida o Maestro per la sua particolare universalità e per il suo ruolo.
Questa conferenza sarà esperenziale, sarà cioé possibile fare esperienza diretta di quanto detto attraverso un viaggio sciamnico durante il quale si prenderà un primo contatto con il proprio Spirito Guida.

Ingresso libero
Per maggiori informazioni:
e-mail: cronacheesoteriche@libero.it
tel.: 0362/1730408

Creative Network -Febbraio 2017

Cari amici e care amiche,
sono lieta di annunciarvi che Creative network è giunto alla sua terza uscita.

croceankhLa collaborazione con questa rivista è per me sempre più entusiasmante ed io spero che per voi leggerla sia piacevole quanto per me scrivervi.

Poiché Febbraio è il mese dedicato dagli antichi alla purifica e alla manifestazione della Luce ho creato per voi un metodo divinatorio molto spirituale, la Croce di Ankh, o chiave della Vita.

Come sempre potete scaricare la webmagazine ai link sottostanti, divertitevi e non dimenticate di dirmi se il metodo vi è piaciuto

Nec spe, nec metu

Bimbasperduta

tablet02

browser02

 

Celebrazione della Luna di Febbraio

celbrazionelunaQuesto sarà per me un Esbat molto singolare perché lo celebrerò in Puglia, nella mia casa natale, spero di riuscire a rendervi tutti partecipi di questa nuova celebrazione.
Purtroppo, anche a Febbraio la Luna attraverserà un brutto momento durante il suo plenilunio, essa sarà in Trigono con Marte e Saturno e, come se non bastasse, si troverà nella Dodicesima Casa Lunare e attraverserà il 22° del Leone luogo che da forza al Pianeta Marte. Ciò vuol dire che il Trigono con Venere e l Sestile con Giove sono duramente indeboliti. Continua a leggere

Il ritorno dei Settantotto Segreti

settantottosegreti21 Gennaio 2017 ore 10:00-12:00 

I Tarocchi sono un libro muto dall’inesauribile sapienza. Ogni lama è la soglia di un sentiero misterioso che porta al centro di noi stessi, unico e speciale per ciascuno di coloro che vi s’inoltrano.
Nessuno potrà affrontare il viaggio per noi, e ogni discesa sarà diversa dalle altre che abbiamo compiuto: così, ogni lama reca tanti messaggi differenti quante sono le anime che si pongono in ascolto. Continua a leggere

L’anno che verrà – laboratorio di cartomanzia

annocheverraPrevedi come sarà il tuo 2017!

Laboratorio di cartomanzia durante il quale spiegherò diversi metodi per predire l’andamento del nostro anno futuro, e realizzare i nostri desideri. Continua a leggere

Previsioni 2017

01giococapodannoCarissimi amici,
Dicembre è giunto puntuale e con lui le tipiche feste legate al Solstizio (Natale, Hanukkah, Yule, il Sol Invicto e così via). Con la stessa puntualità giungono le mie previsioni per l’anno che verrà. quest’anno sono particolarmente contenta perché sono state davvero eccezionali, avremo un anno spumeggiante come il metodo di lettura che ho ideato io stessa per la rivista che ospita le previsioni per l’anno 2017. Continua a leggere

Il viale degli Amanti

shakespeare-oracle-tarot-sun-001Alle volte il teatro mi manca molto.
In alcuni momenti, quasi mi sento in colpa d’averlo abbandonato, più che senso di colpa, però, è nostalgia e rimpianto, lo stesso rimpianto che si può provare per aver abbandonato un amante, un amante geloso, impegnativo ma magnifico, e mi sembra d’averlo abbandonato perché non ne ero all’altezza e da qui nasce il senso di colpa e di frustrazione. Però poi, un’altro amante, di natura divina, quando meno ci penso si mostra a me e mostrandosi mi rivela ciò che il teatro mi ha insegnato e allora comprendo che doveva davvero andare così. Che il Teatro è stato il mio amante solo per prepararmi ad un amore più grande, ad un servizio più alto, più impegnativo, ad un amore più geloso.

Continua a leggere